onload=function(){ if(!document.getElementById || !document.getElementsByTagName) return; ext=document.getElementById(“links“); l=ext.getElementsByTagName(“a”); for(i=0;i
homecurriculumdoveprenota visitalistino prezziphoto gallery

Otoplastica.

L'intervento di otoplastica consente di rimodellare il padiglione auricolare alterato nella forma o nella sua proiezione.
Esistono infatti molti casi che presentano anomalie diverse tra loro: orecchie prominenti o "a sventola" (il più frequente), lop ear (orecchie con la caduta della porzione superiore), orecchie a coppa, orecchie con assenza dell'elice (il contorno esterno del padiglione), macrotia (orecchie di grandi dimensioni), e tante altre varianti.
Le malformazioni possono essere monolaterali o interessare entrambe le orecchie. Nella maggior parte dei casi l'otoplastica viene eseguita in bambini di età compresa tra i 6 e i 14 anni, ma non è infrequente intervenire in soggetti adulti.

L'intervento.

La tecnica adottata dipende spesso dal problema anatomico da risolvere. Nei casi più comuni si pratica una incisione nella superficie posteriore dell'orecchio per esporre e modellare la cartilagine.
In alcuni casi potrà essere invece rimossa una parte della cartilagine, così come posizionare dei punti in materiale non riassorbibile al fine di aiutare la cartilagine stessa a mantenere la nuova forma.
La durata di un intervento di otoplastica è solitamente di circa due ore nei casi bilaterali e più semplici, ma può durare più a lungo nei casi più complessi.

Anestesia.

In rari casi, ossia nei bambini più piccoli, per l'intervento di otoplastica è raccomandabile l'anestesia generale. Nella maggior parte dei casi invece si preferisce l'anestesia locale.
In alcuni casi a discrezione del chirurgo si pratica una anestesia locale associata a una sedazione.

Postoperatorio.

Dopo l'otoplastica le orecchie vengono coperte da una medicazione con una fasciatura. In caso di anestesia generale, generalmente il paziente viene dimesso il giorno successivo; se l'intervento viene condotto in regime di day hospital o ambulatoriale il paziente viene dimesso dopo l'intervento in tempi diversi in relazione all'anestesia.
Il bendaggio viene alleggerito dopo pochi giorni e sostituito da una fascia elastica. Le suture vengono rimosse mediamente dopo una settimana dall'intervento. Qualunque attività che può causare traumatismi all'orecchio dovrà essere evitata per almeno un mese.

Complicanze.

Quando l'otoplastica è eseguita da un chirurgo esperto e qualificato, le complicanze sono rare e minori. Ciononostante, come ogni intervento chirurgico talvolta possono manifestarsi complicanze generiche o specifiche legate al tipo di intervento eseguito.

GUARDA VIDEO